D&D Next

Argan - 1

Argan fissava in silenzio il tavolo di legno; tanti piccoli proiettili, immersi in un lago nero di polvere da sparo.
Gli avevano portato un nuovo fucile e una nuova pistola, ma sembravano sgraziati come coltellacci ai suoi occhi.
Aveva passato tutta una vita a combattere con quello che era, errando.
E ora, ora che presentiva di poter gettarsi tutto alle spalle lo afferrava come una malinconica nostalgia per quel suo passato. Gli ultimi giorni erano stati furiosi e frenetici, ma alle spalle non aveva più nulla per cui lottare; innanzi, invece, aveva tutto.
Srotolò un altro involto e ne visionò il contenuto, passando in rassegna le armi.
Faceva correre la mano sulla barba, con un sorriso appena accennato.
Le sue vecchie armi erano la sua vita.
Studiò il calcio logoro del proprio fucile : ricordò quel maledetto ruffiano del barone di Ardelby.
Fissò la canna annerita : ricordò quella tempestosa notte di ronda sul passo di Doran.
La piccola sacca delle munizioni aveva intessuto un’iniziale di color rosso sbiadito, che gli ricordava sua moglie.
Lo scudiero reale lo fissava negli occhi, un po’ stranito. Non capiva cosa stesse valutando, imperturbabile com’era.
“Quindi..le piacciono le nuove armi?”
Argan lo guardò con un sorriso burbero.
“No”.

Comments

castellani_alessandro

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.